Basi Caricato: Come Un Imprenditore Colpito un Home Run Off un Brutto Passo

0
32

Credito: ZogSports

Ero in piedi nel Quartiere Finanziario, a guardare le nuvole di fumo nero dal piano in cui il mio ufficio era. Non ho mai sentito l’esplosione del secondo aereo schiantarsi contro la torre, ma ho ancora imbattuto. Sedici anni più tardi, e le immagini dell ‘ 11 settembre 2001 rimanere in cristallo trasparente.

Il mio ufficio era il 96 ° piano del World Trade Center torre nord. Quel giorno, ero in ritardo perché ho abbandonato il mio servizio lavanderia, raccolse la mia mail e preso un treno locale. A cinque minuti di ritardo salvato la mia vita come ogni uno dei miei colleghi che erano in ufficio, tutti 297 di loro, sono stati uccisi.

Dopo tre mesi di dolore, mi sono preso una vacanza e mi sono ritrovato su una spiaggia con un drink in mano, riflettendo nel 2001, un anno terribile. Avrei chiuso di una società e congedato 30 persone che mi hanno riferito. Sono stato disoccupato per più di quattro mesi atterrato un lavoro che non era una grande vestibilità. Poi è capitato il 9/11.

Mentre io fissavo il mio bicchiere, ho capito che era esattamente la metà. Ho pensato: “Bene, bene, le cose buone che è accaduto quest’anno?” Per cominciare, ho conosciuto mia moglie durante la riproduzione di co-ed il softball. Ho smesso di viaggiare per lavoro e ha iniziato a giocare sport di squadra di nuovo e trovato ho amato il cameratismo delle mie squadre. Inoltre, ho visto la straordinaria effusione di compassione in seguito agli attacchi terroristici.

Sapevo che la vita potrebbe essere migliore se più persone hanno reali connessioni personali, comunità solidali e un senso di gioco. Così, nel 2002, ho lanciato ZogSports, un ente di beneficenza-concentrato, co-de sociale sports league. Dato che la nostra prima stagione di 26 touch squadre di calcio, ci siamo sviluppati in sei città, con oltre 100.000 giocatori e più di $3,4 MM devoluto in beneficenza scelto da squadre vincenti. Abbiamo appena festeggiato il nostro 15 ° anniversario, e sono orgoglioso di dire che siamo cresciuti ogni anno. Inoltre, abbiamo ricevuto più “Best Places to Work” premi ” e ” B-Corp “Migliore Per Il Mondo: la Comunità” award. Il mio lavoro mi fa venire voglia di venire a lavorare ogni giorno.

Siamo rimasti concentrati sul nostro core business, garantendo i nostri campionati sento ancora come una comunità e i nostri giocatori di esperienza e per le connessioni di cui hanno bisogno per vivere una vita più felice. Non abbiamo né accettati al di fuori di investimento né cresciuta più velocemente di quanto ci credeva era sostenibile.

Circa cinque anni fa, abbiamo iniziato a ricevere richieste da parte della clientela aziendale chiedendo se potevamo organizzare campo di giorni, per i tornei privati, e in attività di ufficio per migliorare la loro cultura aziendale. Questo ha coinciso con conversazioni che ho avuto con gli amici, molti dei quali ha ricoperto ruoli in maniera impressionante le aziende, che mi ha detto quanto odiavano i loro posti di lavoro. Che è stata la scintilla per la nostra seconda attività, ZogCulture. Il luogo di lavoro è un ambiente ideale per concentrarsi sulla creazione di connessioni di comunità e il senso del gioco. Oltre a ZogSports, ZogCulture partner con centinaia di aziende, in rappresentanza di 10.000 s di dipendenti, per aumentare il coinvolgimento dei dipendenti e portare il gioco all’interno del luogo di lavoro.

Ciò che è iniziato con la tragedia si è sviluppato in un’organizzazione che è la creazione di connessioni, di comunità e di giocare per centinaia di migliaia di persone ogni anno. Crediamo che questo, nel nostro piccolo, di cambiare il mondo.

Circa l’autore: Rob Herzog ha deciso di costruire sul tremendo carità umana a cui ha assistito, a seguito di 9/11 e di incoraggiare la comunità a New York con la creazione di ZogSports, che incoraggia i newyorkesi di mantenere la giusta prospettiva e di un più equilibrato stile di vita da divertendosi anche restituire qualcosa alla comunità. Robert conseguito un master in Gestione d’impresa presso La Wharton School dell’Università della Pennsylvania e una laurea in Economia alla Brown University.